Violenza Sessuale: Come capire se una ragazza è stata violentata

Violenza Sessuale: Come capire se una ragazza è stata violentata

Le donne che subiscono abusi sessuali, spesso tendono a chiudersi in se stesse non denunciando o raccontando l’accaduto a nessuna persona, ne la polizia ne ai propri affetti più cari.

Questo avviene perchè spesso le persone che subiscono questi abusi si sentono anch’esse in qualche modo colpevoli, o semplicemente perchè si vergognano troppo.

Le persone, anche le più forti davanti ad un accadimento tanto brutale possono innescare un meccanismo automatico di auto difesa che le porta a non voler più affrontare l’argomento, in modo tale da poterlo dimenticare per sempre, quasi non fosse mai avvenuto.

Proprio per questo se si ha il sospetto che un proprio affetto abbia subito un’ esperienza traumatica di questo tipo, si ha il dovete di aiutarla ad affrontare le proprie paure incentivandola a raccontare e denunciare l’accaduto.

Ecco alcuni elementi che possono far capire se una ragazza è stata violentata

  1. “Strani” segni di lesioni o lividi sulla pelle o in zone del corpo non abitualmente soggette a “urti”. Tra cui ustioni, contusioni, ferite aperte e fratture inspiegabili.
  2. Difficoltà nel muoversi: a camminare o sedersi.
  3. Ripercussioni Psicologiche: sintomi di spossatezza, tristezza o depressione, isolamento e panico.
  4. Gravidanze inspiegabili, malattie a trasmissione sessuale o dolori di stomaco e addominali.
  5. Giustificazioni insensate.

Cos’e realmente una violenza sessuale?

“Nonostante le definizioni legali e cliniche siano variabili, la violenza carnale è tipicamente definita come la penetrazione orale, anale o vaginale che implica minacce o costrizione nei confronti di una persona che è riluttante (ossia, non consenziente) o incapace (a causa di disabilità o intossicazione cognitiva o fisica). Tale penetrazione, voluta o no, è considerata stupro se le vittime sono più giovani dell’età del consenso (maggiore età).

Tipicamente, la violenza sessuale è espressione di aggressività, di collera o di bisogno di potere; psicologicamente, è più violenta che sessuale. Traumi non di origine genitale si verificano in circa il 50% delle violenze sulle donne.

La violenza sessuale è lo stupro o qualsiasi altro contatto sessuale che deriva dalla coercizione, compresa la seduzione di un bambino con offerte di affetto o di doni; comprende anche l’essere toccato, afferrato, baciato, oppure il subire la vista dei genitali.

La violenza sessuale e lo stupro, compresi gli abusi sui bambini, non sono rari; la prevalenza è stimata in entrambi i casi tra il 2 e il 30% ma tende a essere circa il 15-20%. Tuttavia, la prevalenza effettiva può essere maggiore perché lo stupro e la violenza sessuale tendono a essere sottovalutati.

Le donne vengono violentate e aggredite sessualmente più frequentemente degli uomini. La violenza sugli uomini è spesso praticata da un altro uomo, di frequente in prigione. Gli uomini vittime di violenza in genere subiscono danni fisici maggiori rispetto alle donne, sono meno disposti a denunciare il crimine, e spesso sono coinvolti più aggressori.

Cosa fare per scoprire se una ragazza è stata violentata ?

L’argomento è molto delicato, proprio per questo motivo prima di creare falsi allarmismi o procedere in modo inadeguato verso una situazione che potrebbe rivelarsi quanto meno pericolosa e meglio contattare personale altamente qualificato.

Articolo precedente
Concorrenza sleale: quando diventa necessaria la figura di un investigatore privato
Articolo successivo
Assenteismo dipendenti: quando i servizi di un’Agenzia investigativa si rivelano indispensabili
Menu